Assapora

    La pera signora di Rotondella

  • Tra i frutti antichi di Rotondella la pera più interessante e diffusa era la Signora o Signura, delicata nel profumo e nella consistenza, da mangiare al momento della raccolta oppure ottima per la trasformazione in sciroppati, marmellate ed essiccata; una pera piccola, di peso variabile da 35 a 60 grammi, di colore giallo alla raccolta e screziature rosso intenso che si sviluppano sull’epidermide con la sovramaturazione, polpa bianca, molto profumata a maturazione.

    Oggi un Presidio Slowfood vuole tutelare gli alberi rimasti sul territorio e promuovere l'avvio di nuove coltivazioni di pera Signora, per dare reddito all'agricoltura locale attraverso la valorizzazione della produzione tradizionale e dei suoi trasformati.
    Oggi i produttori sono riuniti nell'Associazione S.E.I. sul Sinni: Sostenibilità, Etica ed Integrazione

    Da secoli è attestata la presenza della coltivazione delle pere in Lucania e in particolare nel Metapontino. Il paesaggio era composto da trame di seminativi separati da peri innestati su perastri selvatici. Numerose le varietà locali che fino al secolo scorso arrivavano sulle tavole napoletane: Muscarelle, Muone, Lardere, Sciesciuu, Granete , San Giuvan. Con la meccanizzazione i campi coltivati sono diventati appezzamenti estesi e gli alberi che li delimitavano sono stati abbattuti per facilitare la movimentazione delle macchine agricole mentre le aree a vocazione frutticola si sono invece specializzate in pesco ed albiccocco emarginando del tutto ecotipi locali ormai rari di peri innestati da pochi custodi.

    Telefono: 3492889292
    Mail: seisulsinni@gmail.com
    Sito web
    Facebook

  • Compila il form sottostante per ricevere informazioni.






       Desidero ricevere informazioni tramite posta elettronica sulle novitÓ e sulle offerte della Rotondella ComunitÓ Ospitale
       Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 196/2003 e seguenti modifiche*